FAQ – Domande Frequenti

Risposta random (“a casaccio”) casomai ci prendesse 🙂

Questo mondo è una trappola sensoriale… ti sembra di controllare tutto, di comprendere, ecc. ma invece stai solo diluendo la tua mente in cose quasi inutili… cerca di stare sveglio e non dimenticarlo!

 

Emozioni (3)

Le mie preoccupazioni si materializzano….ma che posso fare??!!

Le pre-occupazioni di basano su una serie di presupposti che vanno scardinati.

Uno è che con il ragionamento e pensandoci trovi le soluzioni… niente di più falso. E’ necessario rilassarsi e lasciar andare le tensioni. In questo modo la mente si libera e compaiono le soluzioni.

Per farlo è necessario però comprendere quali sono le paure profonde che ci fanno preoccupare. Queste sono solitamente basate su un vissuto precedente che si può trovare ricordando la vita vissuta e cercando quei momenti che hanno lo stesso “sapore” emozionale di ciò che provi adesso. Una volta trovato il momento giusto si deve lavorare comprendendolo e sciogliendo le tensioni ad esso associate. Con una meditazione specifica si fa presto.

Un altro punto è fare un po’ di pulizia mentale rilassando e rallentando la mente. Bisogna capire che la mente non è un flipper dove ogni pensiero deve essere sparato a 2000 e rimbalzare di qua e di là. E’ molto meglio pensare piano e godersi il paesaggio mentale che correre per arrivare a… non si sa bene dove perché si finisce per prendere strade sbagliate o correre su binari precostituiti e non notare le possibili svolte evolutive.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Tornerò mai ad amare?

Quel che credi è di aver perso l’amore, ma l’amore è quella “sensazione” che provavi tu, non è l’altra persona. Questa è la confusione comune. 
Avevi ingenuamente creduto che era lui a farti provare l’amore. Invece eri tu ad aver intravisto in lui la possibilità che potesse darti amore… ed avevi aperto il tuo cuore.
Adesso puoi abbandonare questa illusione e capire il “gioco”… e invece di continuare ad illuderti sulle persone e subire le conseguenti disillusioni, essere tu la protagonista, colei che apre il cuore. E lo puoi fare con chiunque tu voglia, umani, animali, luoghi, idee…
Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Perché non riesco a lasciare perdere una cosa che in realtà non m’interessa?

Perché precedentemente l’hai fatta entrare nella tua mente in modo molto forte emozionalmente.
Per lasciarla andare devi immaginarla dentro di te e poi farla uscire e allontanarla nello spazio finché riducendosi sempre più, non sparisce.

Questo processo è però subordinato alla comprensione delle motivazioni che ti hanno provocato a farti aderire tanto a quella cosa. Comprendendole e rilassandole disattiverai l’uncino che ti tiene legato.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Mente (2)

Le mie preoccupazioni si materializzano….ma che posso fare??!!

Le pre-occupazioni di basano su una serie di presupposti che vanno scardinati.

Uno è che con il ragionamento e pensandoci trovi le soluzioni… niente di più falso. E’ necessario rilassarsi e lasciar andare le tensioni. In questo modo la mente si libera e compaiono le soluzioni.

Per farlo è necessario però comprendere quali sono le paure profonde che ci fanno preoccupare. Queste sono solitamente basate su un vissuto precedente che si può trovare ricordando la vita vissuta e cercando quei momenti che hanno lo stesso “sapore” emozionale di ciò che provi adesso. Una volta trovato il momento giusto si deve lavorare comprendendolo e sciogliendo le tensioni ad esso associate. Con una meditazione specifica si fa presto.

Un altro punto è fare un po’ di pulizia mentale rilassando e rallentando la mente. Bisogna capire che la mente non è un flipper dove ogni pensiero deve essere sparato a 2000 e rimbalzare di qua e di là. E’ molto meglio pensare piano e godersi il paesaggio mentale che correre per arrivare a… non si sa bene dove perché si finisce per prendere strade sbagliate o correre su binari precostituiti e non notare le possibili svolte evolutive.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Perché non riesco a lasciare perdere una cosa che in realtà non m’interessa?

Perché precedentemente l’hai fatta entrare nella tua mente in modo molto forte emozionalmente.
Per lasciarla andare devi immaginarla dentro di te e poi farla uscire e allontanarla nello spazio finché riducendosi sempre più, non sparisce.

Questo processo è però subordinato alla comprensione delle motivazioni che ti hanno provocato a farti aderire tanto a quella cosa. Comprendendole e rilassandole disattiverai l’uncino che ti tiene legato.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Progetto (1)

È possibile iscriversi e collaborare?

Si è possibile.
Manda una mail a emanuele@educazionementale.it ed esponi i tuoi propositi.
In qualche giorno ti verrà assegnato username e password e da quel momento potrai accedere dal menù META nella colonna di destra scegliendo con Accedi.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Tecniche (4)

Le mie preoccupazioni si materializzano….ma che posso fare??!!

Le pre-occupazioni di basano su una serie di presupposti che vanno scardinati.

Uno è che con il ragionamento e pensandoci trovi le soluzioni… niente di più falso. E’ necessario rilassarsi e lasciar andare le tensioni. In questo modo la mente si libera e compaiono le soluzioni.

Per farlo è necessario però comprendere quali sono le paure profonde che ci fanno preoccupare. Queste sono solitamente basate su un vissuto precedente che si può trovare ricordando la vita vissuta e cercando quei momenti che hanno lo stesso “sapore” emozionale di ciò che provi adesso. Una volta trovato il momento giusto si deve lavorare comprendendolo e sciogliendo le tensioni ad esso associate. Con una meditazione specifica si fa presto.

Un altro punto è fare un po’ di pulizia mentale rilassando e rallentando la mente. Bisogna capire che la mente non è un flipper dove ogni pensiero deve essere sparato a 2000 e rimbalzare di qua e di là. E’ molto meglio pensare piano e godersi il paesaggio mentale che correre per arrivare a… non si sa bene dove perché si finisce per prendere strade sbagliate o correre su binari precostituiti e non notare le possibili svolte evolutive.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Ho un bel lavoro in cui sono a contatto con molte persone, ma alla sera spesso mi sento scarico energeticamente. Cosa posso fare per ricarcarmi?

Ci sono troppi contatti e non si ha il tempo di scollegarsi.

Prova ad immaginare di avere tanti fili energetici che da te vanno in tutte le direzioni a tutte queste persone.

Poi prendi una lama di luce e taglia tutto, cosìcche i fili si staccano e si allontanano mentre i moncherini si riassorbono in te.

Fallo più di volte finché non senti reintegrarsi la tua energia.

Staccando i “fili energetici” che sono in effetti canali di fuoriuscita, ti ricarichi naturalmente.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Alle volte succede che mi fisso sugli stessi pensieri, come dovrei lavorare?

Quando ti trovi a pensare fissamente qualcosa, immagina che stai trattenendo il pensiero con una mano stretta a pugno.

Poi visualizza di aprire la mano e lasciare andare questo pensiero che come una farfalla se ne va libero.

Dopo un po’ che lo fai avrai allenato la mente a lasciar andare e vedrai che ti verrà più facile anche non attaccarti.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

Perché non riesco a lasciare perdere una cosa che in realtà non m’interessa?

Perché precedentemente l’hai fatta entrare nella tua mente in modo molto forte emozionalmente.
Per lasciarla andare devi immaginarla dentro di te e poi farla uscire e allontanarla nello spazio finché riducendosi sempre più, non sparisce.

Questo processo è però subordinato alla comprensione delle motivazioni che ti hanno provocato a farti aderire tanto a quella cosa. Comprendendole e rilassandole disattiverai l’uncino che ti tiene legato.

Print Friendly, PDF & Email

Permalink.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Social
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − uno =