Il Sistema delle Credenze

Questo articolo è tratto da una sintesi del progetto presentata in una conferenza.

 

Il mondo astrale o 4ª dimensioneDIREZIONE DELL’AZIONE

Ciò in cui crediamo ha chiaramente molta importanza all’interno della nostra coscienza perché favorisce il movimento armonico o disarmonico della nostra energia mentale.

Per chiarire meglio questo aspetto immaginiamo che stiamo facendo qualcosa che crediamo giusto; avremo quindi la sensazione che le cose stiano andando bene ed il risultato sicuramente troverà soddisfazione in noi. Se, al contrario, ci muoviamo facendo qualcosa che non crediamo sia giusto, lo faremo senza la giusta convinzione e molto probabilmente il risultato non sarà ottimale.

Parlando di energia mentale, è esattamente come procedere in una direzione favoriti dalla corrente, dal flusso, perché la nostra mente va nella stessa direzione sommando, quindi, le forze dell’azione, del pensiero e dell’emozione perché tutte volte nella stessa direzione. Se, invece, avviene che c’è un pensiero contrario o anche una emozione contraria, allora l’azione sarà svilita da questa forza contrapposta, che può essere cosciente o subcosciente, che impedisce la piena realizzazione e la piena soddisfazione dell’atto. Immaginate ad esempio cosa può fare un senso di colpa.

 

IL SISTEMA DELLE CREDENZE

Quindi fermiamoci un attimo a  pensare alle cose in cui crediamo.

Questo che abbiamo chiamato il “sistema delle credenze”, ci viene insegnato durante la nostra infanzia e adolescenza attraverso insegnamenti religiosi, etici e morali, che la società e l’ambito familiare in cui viviamo ci impongono.

Chiaramente, una volta cresciuti ci toccherebbe rivalutare e rivedere tutto ciò, considerando inoltre che molto di tutto questo rimane sepolto nel subconscio anche se poi abbracciamo nuove visioni della vita. Facendo un esempio, nel buddismo non esiste il senso di colpa, ma un cattolico diventato buddista in età matura può avere nel subconscio tanti sensi di colpa che dovrà tirar fuori e sbrogliare, cambiando quindi il sistema delle credenze profonde, prima di poter dire di essere diventato veramente e completamente un buddista e non subire più la sofferenza e la condanna dovute dai sensi di colpa. Una volta compresa la necessità di fare questo lavoro, ci troviamo davanti all’enorme compito di come  realizzarlo.

Nelle religioni, il sistema delle credenze è preimpostato dall’alto, cioè esiste una storia sulla creazione, su chi siamo, sull’esistenza e sul suo significato e ognuno si rapporta a questo sistema e chiaramente paragona ogni azione del proprio vivere, del proprio pensare e del proprio sentire al sistema ideale proposto.

Come abbiamo detto questo avviene già dall’infanzia: vi ricordate la letterina di buoni propositi che si scriveva a natale?

Ovviamente se si trovano delle differenze tra il proprio modo di essere e l’ideale proposto si creano delle tensioni interne che possono diventare nel tempo sensi di colpa, insicurezze, ecc. specialmente se ciò avviene durante il periodo dell’infanzia. Per un ragazzino, infatti, ha un impatto molto forte se lo critica un adulto che egli ammira o che è per lui riferimento, anche se apparentemente fa finta di nulla. Purtroppo nessuno insegna ai genitori ad essere genitori ed essi stessi sono pieni di dubbi profondi e contraddizioni.

 

Il mondo astrale o 4ª dimensioneFORMAZIONE

Quindi prendiamo come dato di fatto che non è possibile trovare oggi una condizione di educazione ideale e che dobbiamo sempre fare i conti con una formazione che ha lasciato dentro qualcosa da sistemare anche perché ognuno è diverso e il metodo e la profondità dell’insegnamento dovrebbe essere tarata su ogni singolo individuo. Questo atteggiamento è fondamentale anche per evitare di addossare ai genitori le colpe dei nostri difetti cosa che molti finiscono per fare giustificando così il proprio modo di essere ed evitare di affrontare un cambiamento profondo dentro di se.

L’atteggiamento giusto è quello di considerare di essere arrivati “in piedi” al momento presente e, guardando anche al passato ed alla educazione ricevuta, rivedere ciò che non va bene per correggere e prendere definitivamente la nostra vita nelle nostre mani. I genitori, infatti, hanno fatto la loro metà del lavoro portandoci sino al momento in cui dobbiamo procedere da soli e gli eventuali errori da loro compiuti, una volta da noi compresi, ci serviranno per avanzare con la nostra evoluzione.

 

IDEALI

Se, dunque, ci troviamo a persistere nella nostra azione in disarmonia con l’insegnamento ricevuto, saremo dei “peccatori”, ma sempre riferiti a quel particolare insegnamento. Diversamente spostandoci in un altro ambito di credenze, ad esempio un’etica politica o un’altra religione, anche qui troveremo un ideale di come dovremmo essere, più o meno chiaro (oggi in politica è decisamente poco chiaro), e questo ideale sarà il nostro nuovo riferimento, ma dovremo fare i conti con i riferimenti profondi lasciati dalla prima educazione ricevuta nell’infanzia.

Ma perché noi possiamo camminare nella direzione proposta, questi ideali dovrebbero essere calzati su misura della vita quotidiana e questo non succede mai proprio perché si tratta di “ideali” che per definizione sono appunto lontane dalle condizioni ordinarie dell’essere umano, un punto di arrivo che molte volte è decisamente fuori dalla possibilità di arrivarci sul serio.

Questa tensione verso l’ideale è stata fondamentale per il processo chiamato evoluzione, ma va compresa ed affrontata in modo consapevole e maturo per produrre dei risultati positivi e non lasciata lavorare nel subconscio a creare mostri, dubbi e insicurezze che alla fine ottengono soltanto di frenarla, la nostra evoluzione.

Un lavoro interessante che ci si può proporre è di smetterla di cercare riferimenti fuori, nei sistemi di credenze proposti da altri, per avventurarsi alla ricerca delle proprie verità interiori attraverso esperienze profonde, anche sovrasensibili, per poter riformulare in proprio il sistema di credenze. Se gli insegnamenti ricevuti erano giusti saranno così verificati, altrimenti si scopriranno le storture che negli anni hanno trasformato le parole dei santi o anche gli errori delle costruzioni ideali dei filosofi, almeno per quel che riguarda noi stessi.

 

IL SENSORE DELL’ARMONIA

Ma quale sarà il metro di valutazione che ci servirà per poter riformulare il nostro sistema di credenze?

Il punto importante è comprendere che nel corpo e nella psiche dell’essere umano esiste un fattore fondamentale e cioè la possibilità di percepire il piacere e la felicità o, al contrario, il dolore e la sofferenza.

Questo è il segnale che normalmente utilizziamo per scegliere la direzione della nostra vita, ma che spesso, purtroppo, finisce per essere utilizzato contro il nostro interesse e la nostra evoluzione.

Ma cominciamo con il chiarire la sensazione: quando facciamo qualcosa che ci da una certa piacevolezza sicuramente è meglio di quando è spiacevole.

Questo è il segnale che ci permetterà trovare quali sono le cose giuste da fare o meno. Chiaramente va un po’ rielaborato perché un momento di piacere seguito da molto dispiacere non può essere considerato positivo: potrei trovar piacere a schiacciare un avversario ma se dopo le conseguenze saranno spiacevoli… insomma il piacere non può essere localizzato in un momento, ma bisogna espandere questo concetto nel tempo per arrivare ad un concetto più duraturo.

Probabilmente vi staranno già entrando in gioco i pensieri del sistema di credenze che gridano che non è così perché si deve lavorare e non sempre è un piacere e chi non lavora… ma consideriamoli per quel che sono: una sovrastruttura mentale che non avevate da bambini e che vi è stata imposta successivamente.

Si potrebbe parlare molto sulla questione del lavoro come asservimento ad un sistema di produzione in cui molti faticano e soffrono e non riescono a cambiare la loro condizione mentre pochissimi altri ne hanno tutti i vantaggi, ma questo ci porterebbe fuori tema in questo momento.

Dunque l’indicatore che ci permette di scegliere la direzione da seguire è da sempre il grado di piacevolezza che va dal negativo dolore fisico e sofferenza mentale fino all’opposto positivo di piacere fisico e felicità con ovviamente tante posizioni intermedie.

Ed è così da quando eravamo bambini. È così per gli animali ed anche per le piante. Soltanto che ogni genere ha i suoi propri “piaceri”: ai gatti piacciono certe cose e ai cani altre, mentre alle piante altre ancora. Ed in ogni genere, anche ogni individuo ha le sue preferenze. Non possono farsi generalizzazioni troppo definite e radicali.

Quindi ciò che ci permetterà di sapere se stiamo andando bene o meno è la sensazione di piacevolezza crescente, mentre al contrario una sensazione di spiacevolezza crescente è indicatore di qualcosa che non funziona.

Non dimenticheremo, comunque, che un momento di dispiacere o di dolore può dar luogo ad un periodo positivo come, ad esempio, nel caso in cui ci si toglie un qualcosa che ci ha provocato una ferita, sia fisica che psicologica e che, al contrario, un momento di piacere inopportuno può portare molto dispiacere nel tempo.

Allora sarà meglio parlare del Sensore dell’Armonia, intendendo la piacevolezza crescente, dato che per armonia si intende proprio un concetto più ampio e duraturo.

Ed è questo l’insegnamento che la società e la famiglia cercano di darci. Farci capire, cioè, che non si può guardare al solo momento, ma che si debbono considerare molti fattori, tra i quali lo stesso ambito sociale, per assicurarsi che nel futuro non ci si debba pentire.

Ma nel far ciò vengono spesso compromessi alcuni importanti elementi che possono pregiudicare la felicità dell’individuo:

  • Il “vivere nel presente” cioè la possibilità di vivere il più rilassatamente possibile il rapporto con il tempo in modo da non creare nella mente disarmoniche protensioni verso il passato o verso il futuro creando uno sfasamento che porta disequilibrio.
  • La “libertà di scegliere”.
  • Il fatto che per ognuno ci sono cose e situazioni diverse che portano piacere e felicità.
  • Che l’intero insegnamento proposto potrebbe esser parte di un sistema di credenze che non funziona per far felice un essere umano.

E in effetti… a tutti viene rubato il tempo di vivere con l’idea che per vivere si debba lavorare 8 ore al giorno, cosa che fa gioco ad alcuni e che mantiene in piedi una società che, oramai è conclamato, crea stress e infelicità.

È chiaro che alcune regole ce le si deve dare. Ma dovremmo rivalutare tutto da zero per poter costruire una società che sia più a misura d’uomo.

 

Dimenticare le cose è sinonimo di intelligenza: i risultati della ricercaLA RIVALUTAZIONE DEL SISTEMA DI CREDENZE

Dunque con questo strumento del grado di armonia nelle nostre mani possiamo cominciare ad entrare nel mondo della rivalutazione delle credenze di ciò che è giusto e di ciò che è sbagliato, non riferito più ad un sistema esterno, ma alla nostra pura esperienza.

Ma è chiaro che questa che chiamiamo esperienza di armonia o meno, dato che noi non nasciamo nel nulla, ma siamo stati educati in una società e in una famiglia, oggi ha già un suo contenuto interiore legato al nostro sistema di credenze precedente. Se io faccio, ad esempio, l’elemosina a qualcuno, la mia sensazione di armonia può essere legata al mio sistema di credenze precedente che potrebbe dire “fare l’elemosina è buono” e non necessariamente a ciò che sento. Quindi potrei sperimentare anche una sensazione di piacere duraturo, ma solo perché è legato al mio meccanismo mentale precedente, a quello che credevo prima e che è rimasto nel mio subconscio. Quindi, prima di poter dire “è buono” o “non è buono”, “è bene” o “non è bene”, bisognerebbe profondamente rivalutare questo meccanismo mentale e poi scegliere.

Questo succede spesso con il sesso. Molti gruppi di autodeterminazione si sono arenati sul tema del sesso. Cercando una libertà interiore dalle imposizioni del sistema, hanno cominciato a sperimentare la libertà dai condizionamenti, ma, con un effetto pendolo, sono passati dalla negazione del sesso alla più sfrenata “libertà sessuale”… che quindi tanto libera non era in quanto “negazione della negazione”!

 

CHIAREZZA MENTALE

Va inserito, quindi, un ulteriore elemento che possa aiutare a comprendere quale azione sia armonica e porti verso una felicità perlomeno futura.

Questo elemento è la “chiarezza mentale” e cioè quello stato della mente che riesce a “vedere” rilassatamente al futuro percependo, in modo immediato, se la direzione della propria azione sarà libera e sgombra da situazioni disarmoniche o al contrario le attirerà creando un ingarbugliamento nella propria vita con conseguente sofferenza e mancanza di felicità.

Per ottenere questo stato è necessario, appunto, sgombrare la mente dalle forme pensiero del sistema di credenze. Si tratta in effetti di sgombrare il proprio spazio mentale per lasciare l’orizzonte libero e riuscire a guardar lontano. Fatto questo ricomparirà “magicamente” la capacità di percepire, letteralmente, luci ed ombre dei pensieri e quindi anche della condizione futura in cui si andrà a vivere se si sceglie una direzione o l’altra.

Diventerà automatico allora scegliere la direzione luminosa, della chiarezza che porta ad essere meno oppressi e stressati, in definitiva, più liberi e felici.

 

IL CAMMINO DELL’AUTOCOSCIENZA

Stiamo, dunque, proponendo un grande lavoro che partendo dalla vostra attuale condizione, vi porterà in una direzione totalmente nuova che scoprirete soltanto attraverso i vostri stessi passi cioè le vostre esperienze. È questa una favolosa avventura che sottostà a tutte le altre avventure della vita. In particolare, è l’unica avventura i cui risultati vi porterete anche dopo la fine della vita stessa.

Possiamo anche predire che, se fate un lavoro accurato, vi troverete presto a pensare le cose in un modo che non è isolato: ci sono centinaia di migliaia di persone che già la pensano come arriverete a pensarla. Sono persone che hanno fatto un cammino simile, che è il cammino dell’autocoscienza, e che ha lo stesso punto di arrivo anche se ognuno procede da direzioni diverse. Vi troverete, quindi, meravigliosamente in un enorme insieme di persone che non si conoscono, ma che la pensano in modo simile senza che questi pensieri siano stato prestabiliti da nessun altro.

Stiamo proponendo, in sintesi, di svelare il velo della realtà preimpostata dei sistemi di credenze precedenti per ritrovarsi in una visione dell’esperienza dell’essere umano che è condivisa da tutti quelli che si sono liberati dalle sovrastrutture, che è il vero “sistema delle credenze” o meglio, non essendo una sovrastruttura mentale, non dovremmo chiamarlo così, piuttosto è la “lettura dei meccanismi della vita”.

Quindi ri-codificheremo quelli che sono i meccanismi della vita e troverete che in effetti sono già stati in gran parte descritti dai vari “sistemi di credenze”, religiosi o filosofici, con alcuni degli errori però, per mal interpretazioni successive o proprio errori concettuali, spesso grossi e che a lungo andare si sono rivelati essere causa di sofferenza per tantissima gente.

E quale sarà il risultato di questo lavoro.

Il risultato sarà di trovarvi, ad un certo punto, perfettamente allineati con il flusso dell’armonia cosmica. Sembra una parolona, però è così: una volta eliminato tutto ciò che avrete verificato “storto”, rimettendo le cose nella giusta direzione, ecco che spariscono le zone oscure della coscienza con i loro contenuti di dubbi e contraddizioni, mentre le vostre azioni saranno armonizzate alle emozioni ed ai pensieri che si ritroveranno ad essere perfettamente allineati con il flusso dell’energia cosmica. Vi ritrovate insomma a procedere in una direzione senza più enormi ostacoli e con una visione chiara del futuro, perlomeno nella sua condizione armonica o meno, che eliminerà dall’animo ansie e preoccupazioni.

Questo comporta una piacevolezza immensa e comincerete a capire che la felicità può essere una cosa possibile e non più una favola raccontata.

Diversamente a quando si hanno sempre intoppi, succede infatti che fila tutto liscio e anche quando vi trovate a superare situazioni difficili, che non mancheranno ovviamente, tutto fila in qualche modo liscio. E la sensazione è in qualche modo piacevole, giusta. Immaginate qualcuno che si fa una arrampicata su una montagna: troverà qualche difficoltà, ci sarà fatica, ma la sensazione globale è piacevole, altrimenti non lo farebbe!

Dunque, non è tanto il fatto di superare un problema o un momento difficile, quanto l’insieme generale della vita che si volge in una direzione positiva e la sensazione globale di felicità che aumenta. A questo punto sarete certi al mille per mille che state andando nella direzione giusta.

Ma questa condizione positiva non verrà necessariamente ben valutata dagli altri che continuano nel loro aderire ai sistemi di credenze “ufficiali”, dato che si tratta di una sensazione interna, che chi sa osservare individua, mentre la maggioranza delle persone non la nota perché guarda ai segnali esteriori di benessere sociale più che allo stato interiore. Felici avendo poco o meglio non cercando di avere nulla… non ne conoscete già qualcuno?

Dunque vi sentirete bene, allineati, centrati, giusti, come dovrebbe sentirsi chiunque: la promessa è grande.

 

LA RIMOZIONE DELLE EMOZIONI DISARMONICHE CRISTALLIZZATE

Tuttavia, per ottenere il risultato globale bisognerà anche spazzar via gran parte dei contenuti mentali che associano il sistema di credenze precedente alle emozioni legate al nostro vissuto. Se abbiamo provato un senso di colpa per qualcosa, anche se cambiamo il sistema di credenze, quel senso di colpa rimarrà lì e ci si ritrova a combattere tra ciò che oggi pensiamo contro una emozione che si è cristallizzata quando la si pensava diversamente. E se la si è creata la si dovrà necessariamente togliere consapevolmente, non c’è altro sistema. Ogni azione mentale ed emozionale che si è cristallizzata andrà tolta con una forza e intensità simile a quella con cui la si è creata, ma di segno opposto, rilassante, chiarificatrice, luminosa; comunque è una azione precisa che si deve fare… non scompare da sola.

Immaginate, ad esempio, di aver costruito un mattone di argilla, di averlo fatto asciugare e indurire al sole ed averlo lasciato nel vostro corridoio: ogni volta ripassando di lì, specie quando c’è poca luce (che simboleggia un livello basso di coscienza), si rischierà di inciamparci. La soluzione è ovviamente di rimuovere il mattone o distruggerlo.

Per questo gli insegnamenti sul pensiero positivo promettono molto, ma non danno a tutti gli stessi  risultati. Sebbene forniscano una buona e più armonica visione della vita, non affrontano e risolvono puntualmente le emozioni negative accumulate nel passato e per questo hanno diversa efficacia per ogni persona. Inoltre se si è cristallizzato un Ego abbondante questi, con il suo modo di pensare, non lascerà entrare le nuove visioni proposte.

Dunque, mentre si fa questo lavoro di risistemazione delle credenze, di smantellamento della sovrastruttura mentale, si deve parallelamente dissociare il sistema di credenze precedente dalle esperienze del vissuto. Solo così si può arrivare a ripulire completamente la coscienza dal vecchio sistema di credenze e trasformare la nuova visione acquisita in un cammino in cui si sperimenta “la pienezza della direzione coerente della energia del pensare, del sentire, dell’attuare e dell’armonia del cosmo”.

 

FRIZIONE E STRESS

Quando due strutture hanno una certa solidità e si toccano, si urtano, specialmente se vanno in direzioni opposte, si crea una condizione di stress. Si parla ad esempio di stress dei materiali nel caso dell’attrito tra le parti meccaniche in movimento.

La condizione di stress mette in crisi la struttura cellulare e predispone all’usura, al deterioramento della struttura stessa.

Cosa avviene nel caso della mente?

Abbiamo parlato di una visione spaziale della mente. Dunque quando una parte di essa ha una struttura di una certa solidità, e stiamo parlando delle cristallizzazioni di pensieri ed emozioni, ecco che, rispetto alla condizione normale di una mente fluida, questi elementi presentano un punto di possibile attrito con altre strutture cristallizzate con cui si possono incontrare. Queste possono essere mie, ma anche di altre persone, o addirittura globali, e vengono a contatto concettualmente o emozionalmente con la posizione della struttura in questione. E quando questo avviene ci sarà dell’attrito, della tensione, che bloccherà o disturberà il movimento dell’insieme della struttura corpo-mente che sarà così trattenuta in una direzione mentre procedeva per un’altra oppure coinvolta in una frenata o bloccata in una sua parte con un effetto di stiramento e la conseguente sensazione di sentirsi tirati in una diversa direzione, allungati, deformati. In definitiva stressando l’intera struttura. La sensazione che si associa è appunto quella che chiamiamo “sentirsi stressati” cioè, per esempio, fare qualcosa non vedendoci il “senso” perché è appunto in direzione diversa da quel che crediamo sia il senso della nostra vita o della vita in generale.

Spesso le “attrazioni sessuali” sono di questo tipo: una parte della struttura emotivo-mentale di uno si impiglia nella corrispondente dell’altro e ci si sente “magicamente attirati”. In questo esempio è chiaro che non entrano in gioco sentimento e anima anche se in qualche circostanza le cose possono camminare su più binari. Ed il caso in cui l’anima vuole andare in una direzione diversa, ma ci si sente attirati, inglobati con una persona sbagliata… credo che tutti abbiamo fatto esperienza di ciò!

In definitiva, potremmo chiamare stress quella sensazione spiacevole derivata dal non perfetto scorrere del nostro pensare, sentire e attuare tra di loro e nell’ambiente circostante.

A questo proposito possiamo comprendere come il “sistema delle credenze” è un sistema di pensiero che può essere “frenante”, e quindi stressante, su due livelli.

Un livello interno, cioè il caso in cui si crede in certe cose e si cade in contraddizione con esse con le azioni compiute. Quindi il pensiero diventa un freno alle azioni da compiere sotto la spinta di altri impulsi o al contrario si agisce secondo un modo di pensare, ma senza “sentire” le cose che si fanno creando così delle azioni vuote di significato che possono portarci in direzioni sgradevoli.

Il secondo livello, che possiamo definire esterno, in cui è il sistema di credenze stesso ad essere mal congeniato rispetto alla Vita proponendo idee e modelli che non hanno armonia con il suo naturale fluire, creando, quindi, un secondo sistema di freni e contraddizioni dato dal nostro cercar di pensare e agire conformemente ad esso e quindi in maniera errata rispetto alla Vita stessa.

Ad esempio pensare che sia giusto trattare sempre bene le persone e poi trovarsi ad avere a che fare con un maniaco furioso che non si sa come allontanare perché non si sono strutturati gli strumenti mentali per farlo, può portare dolore e sofferenza a noi o a chi è intorno a noi.

 

ARMONIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CREDENZE

Quindi come vedete bisogna fare una doppia risistemazione: una del sistema di credenze rispetto al flusso della vita stessa, che potrebbe definirsi un approccio filosofico; e una seconda sistemazione, in noi, rispetto al sistema di credenze che abbiamo e che dobbiamo però verificare.

Normalmente avviene che una parte di noi già agisce o reagisce intuitivamente secondo quella che potrebbe definirsi come una giusta, naturale e spontanea filosofia della vita, ma, essendoci nel sistema di credenze sociale modelli errati rispetto a questo punto, ci si trova a vivere una forte contraddizione che  riempie di sensi di colpa oppure ci si ritrova “fuori” da questo sistema. E, in quest’ultimo caso, si sarà tentati di rifiutarlo in toto, anche nelle sue parti positive, e si potrebbe terminare facendo azioni esagerate, ben oltre il giusto senso iniziale della ribellione.

Dobbiamo tornare, in questa ipotesi, al perché ed a cosa esattamente ci si sta ribellando, cosa non ci sta bene e quindi cosa è necessario cambiare. Se si riesce a capire questo, tutto il resto, anche le eventuali azioni esagerate successivamente compiute, rientrano in un effetto pendolo di reazione e si capirà perché sono avvenute disattivandone quindi l’energia che le ha create.

 

LA PERCEZIONE

Ma come realizzare un lavoro sistematico per riformare un sistema di credenze che sia maggiormente legato all’esperienza reale ed al meccanismo della vita che non ad una formattazione esterna preimpostata.

Sicuramente l’osservazione della vita, in particolare legata alla natura, può aiutarci a capire tempi e ritmi di come le cose funzionano. E qui nasce anche il problema di distinguere l’essere umano e la sua evoluzione dal piano della natura animale. A questo punto è necessario anche entrare nel piano del sottile ossia andare a verificare ciò che è in effetti la realtà non tangibile, emozioni, mente, anima, il sovrannaturale per poter intendere ciò che è la vita nel suo senso più esteso e ciò che è l’anima o meglio la parte non visibile degli esseri e quale è la loro realtà allo scopo di capire come muoversi in armonia con tutto il resto e cioè senza lo stress dell’attrito, senza la sofferenza.

È interessante notare che il percepire o meno le realtà cosiddette soprannaturali potrebbe dipendere appunto da un condizionamento del sistema di credenze che, rendendole “inesistenti”, propone una visione della vita decurtata di una sua fetta importante.

La morte, ad esempio, non è più accettata come fatto naturale proprio perché si è creato un tabù sul tema dell’aldilà, sul parlare delle anime trapassate; chi, invece, parla tranquillamente di questi temi, supera la paura dello sconosciuto, del nulla, dell’oblio, connesse al dopo morte, trovando un senso che può estendersi a tutto il significato della vita e che rilassa profonde tensioni e rende più sereni, coraggiosi e felici.

Quindi un sistema potrebbe essere quello di fare esperienze che siano al di fuori della sensibilità intesa normale verso la percezione di ciò che è sottile. Ma è ovvio che questo tipo di approccio va bene per chi si sente predisposto e non per la maggioranza della popolazione.

Si può però cominciare a vedere come tutto il modo sottile agisce indifferentemente se uno creda o meno in esso, agisce nella vita di tutti i giorni.

Prendiamo l’esempio dell’amore, qualcosa di sottile che non si può localizzare in un punto preciso fisiologicamente parlando, che è impalpabile, inodore, ma che determina gran parte della vita delle persone; e non stiamo parlando dell’idea, ma proprio del sentimento.

Si deve considerare che noi abbiamo delle percezioni sottili quotidiane che ci portano a formulare dei pensieri, ad avere delle intenzioni, dei desideri che determinano come agiamo.

Quando capiremo che ogni nostra azione, ogni nostro pensiero derivano primariamente da una percezione sottile a cui noi cerchiamo di dare una configurazione nel nostro mondo di idee o emozioni od esperienze per poterlo individuare, delineare, descrivere, praticamente per dargli un nome, quando capiremo questo allora cominceremo a renderci conto che è il mondo delle percezioni sottili che esiste e che solo dopo noi cerchiamo di spiegare di che si tratta dandogli dei termini riconoscibili. Per fare un esempio spesso il desiderio di mangiare è in realtà una percezione sottile di qualcosa nella zona addominale e per descriverla la trasformo in “ho fame” e mi associo conseguentemente ai pensieri del cibo, di quello che ho in casa da cucinare, ecc.; dopo questo processo che dura qualche istante, mi viene fame definitivamente.

Un altro esempio sono le grandi intuizioni che hanno caratterizzato quelle persone considerate “geni” dalla società. Questi le hanno descritte come idee, immagini, sogni che sono “arrivati” e che poi hanno cercato di tradurre in pratica. Da dove sono venute? E che cosa erano? Se erano “geni”… non sarà il caso di indagare per capire come hanno fatto e cercare di farlo anche noi?

Quindi l’amore come la scienza sono connessi con queste “realtà sottili”. E se arriviamo a pensarla così non potremo che cominciare a indagare anche nel mondo della meditazione.

 

LE RADICI PROFONDE E IL LAVORO DI PURIFICAZIONE

Ovviamente una volta compreso tutto ciò intellettualmente rimane da realizzarlo in pratica. Non basta, infatti, capire di subire l’influenza di un sistema di credenze per disattivare completamente la sua influenza.

Non solo perché è molto ben ramificato dentro di noi. Non solo perché viviamo in un ambiente che ce lo ricorda e conferma continuamente. Ma anche perché ogni esperienza vissuta è stata rapportata e relazionata al sistema di credenze e quindi tutto il nostro vissuto ne è interlacciato a maglie strette.

Riuscire ad uscirne fuori e a non farsi più condizionare significa quindi fare un grosso passo “all’indietro”, o si può dire anche “in avanti”, saltando quel nucleo di pensieri ed emozioni che abbiamo chiamato Ego. La tecnica della purificazione diventa, dunque, parte integrante di questo lavoro di decondizionamento e presupposto per scoprire cosa ci sia al di là nonché punto di partenza per una vera libertà.

È un lavoro che prende tempo. Non si tratta della durata di un weekend, né di un mese. Ma se partiamo bene possiamo liberarci subito dei nuclei problematici che ci ancorano alla sofferenza più profonda, schiarendo l’orizzonte e acquisendo una “mappa” della nostra evoluzione che ci permetterà diventare finalmente forti e stabili grazie al fatto che vedremo perfettamente da dove veniamo e dove stiamo andando.

Una volta così centrati, il lavoro di purificazione procede un po’ con un effetto domino perché ogni cosa che risolviamo ci permette di chiarirne un’altra conseguente e spesso ci arriveranno “gratis” momenti di profonda comprensione senza nessuno sforzo intellettuale, ma grazie al semplice aumento della luce e quindi della chiarezza globale della nostra mente. È questo, dunque, quel processo che si chiama “illuminazione”: illuminiamo la mente e i suoi contenuti facendo sparire le ombre, i dubbi, gli errori che si sono creati per arrivare ad una mente che sia libera dalle costruzioni egoiche.

Questo vuol dire molto, anche arrivare a cambiare il proprio fisico. Una buona parte del fisico è stato costruito, infatti, sulle strutture egoiche e per averne una piccola prova di ciò basti pensare alle tensioni, ai tic, alle rughe e alle malattie che le persone hanno accumulato nella loro vita. E se possono modificare un tendine, un muscolo, un organo, le tensioni psico-emozionali potrebbero addirittura incidere sulla struttura ossea. Non si tratta solo di ereditarietà quindi.

Noi sappiamo anche che le cellule del corpo si rinnovano in gran parte ogni 3-6 mesi e questo significa che una forte tensione psicoemotiva può dare origine ad una malattia in questo arco di tempo. Ma significa anche che possiamo dare una svolta al nostro stato di salute, affrontando le origini profonde delle malattie, in un tempo brevissimo, che parte da questi 6 mesi, anche se per completare il lavoro dovremmo aggiungere, però, il tempo necessario a risolvere tutti i danni accumulati a valle del problema iniziale insorto.  E cioè tutto il tempo che abbiamo perso prima di decidere di guardarci dentro per trovare la causa del nostro male ed estirpare il contenuto che provoca la disarmonia. Ovviamente una cultura medica generale più attenta a questo aspetto favorirebbe l’auto-guarigione di molte malattie.

Ogni caso, comunque, va visto a se stante perché non esiste nessuna regola rigida essendo diversa sia l’educazione ricevuta, che la risposta che ognuno ha dato, ma possiamo capire come sia possibile procedere in una progressione crescente di liberazione.

Abbiamo anche detto che l’evoluzione, il resettare la mente, può anche essere visto come un tornare indietro, ma chiariamo subito che non c’è assolutamente nulla nel multiverso che non vada sempre nella direzione di crescita. L’apparente tornare indietro è soltanto la riproposizione di un ciclo che viene però affrontato su un piano leggermente più avanzato, lungo l’asse del tempo per lo meno, e questo fa si che si individua un percorso a spirale che guarda caso è presente dappertutto nell’universo.

Dunque, porteremo sempre con noi qualcosa che ci ricorda ciò che abbiamo appreso e anche se dovessimo dimenticare i fatti precisi, e non ricadremmo negli stessi errori perché la metabolizzazione delle esperienze vissute crea una specie di anticorpo. Ma questo è tema per un prossimo capitolo.

Emanuele Russo

Torna a 7. Ego e personalità

Vai a Tecniche

Print Friendly, PDF & Email
Social
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 + diciassette =