Immagini mentali

Ma torniamo ai flussi di pensiero come flussi di particelle. Possiamo ipotizzare che questi flussi si muovano passando da alcune “stazioni”. Queste stazioni sono le immagini mentali.

Supponete per un momento di essere in uno spazio infinito e luminoso e di potervi muovere liberamente volteggiando. Immaginate di vedere da lontano un punto colorato e attratti da questo decidete di avvicinarvi. Man mano che vi avvicinate, quello che prima sembrava soltanto un punto diventa sempre più grande, mostrando una zona complessa formata da varie geometrie diversamente colorate.

Quando, infine, entrate in questa zona, ecco che come d’incanto tutto cambia e ci si ritrova in un luogo conosciuto, un ambiente familiare come può essere un angolo della propria casa.
Questo luogo è un ricordo, un pensiero configurato in un altro tempo, dove sono state “impresse” immagini, emozioni, suoni, odori, sensazioni, pensieri.

Ed il luogo in cui si trova è una piccolissima zona contenuta nel corpo. Si proprio così, nel corpo, non necessariamente nel cervello.

Normalmente questo processo avviene in modo inconscio e velocissimo per cui ci si trova semplicemente in un posto, una immagine mentale e dopo un po’ si finisce precipitosamente in un’altra. Con la pratica meditativa, invece, è possibile rallentare la velocità del pensiero al punto da riuscire a “vedere” gli spazi tra le immagini mentali ed addirittura a collocarli spazialmente all’interno del proprio corpo.

Il luogo dove si collocano le immagini nel corpo non è mai casuale. Si tratta sempre di zone che hanno a che vedere con gli organi in funzione al momento. Ad esempio l’immagine associata ad una azione di dare qualcosa a qualcuno si associa facilmente alle mani, ma se è connessa maggiormente all’affettività si collega al cuore o alla zona cardiaca.

In effetti è la mente che decide dove collocare le immagini e lo fa a seconda delle concezioni culturali in cui si è stati educati perché queste “formattano” la mente.

Torna a 4. Come funziona il pensiero

Vai a 6. Tensioni mentali

Print Friendly, PDF & Email
Social
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − undici =