Lo conosci Giuda ?

Porco Giuda… Mannaggia a Giuda… sei un Giuda… Giuda ballerino!

Quante volte lo abbiamo sentito? Quante volte lo abbiamo detto? Ce la si prende con lui per tutte le cose che non vanno come noi crediamo dovrebbero, come se fosse sua la colpa di tutto ciò che non va. Si parla di lui come se lo si conoscesse bene, ma di lui sappiamo solo una storia su cui è probabile non aver riflettuto abbastanza.

Ma allora chi è Giuda?

Giuda è una parte che è dentro di noi. È quella parte che è pronta a vendere l’anima, cioè le nostre migliori e pure intenzioni, in cambio di un interesse immediato e materiale (i 30 danari) adducendo idee ordinarie di scusa per giustificarsi. Giuda è colui che ha venduto Gesù.

Gesù, dentro di noi, è l’anima, il figlio di Dio, il puro e incorruttibile che non persegue gli interessi materiali perché conta sulla sua Fede. La Fede è il sapersi figlio di Dio e, di conseguenza, il sapere che se si porta avanti il proprio compito, se ci si centra e si opera come ingranaggio armonico di un grande corpo cosmico divino che comprende tutto e tutti, ci tornerà sempre il giusto, cioè non ci si dovrà affannare a cercare il necessario esattamente come in ogni corpo che funziona ciascuna cellula riceve il nutrimento dal sangue e non ha bisogno di andarselo a procurare.

Giuda è quindi quella parte che perde la Fede e che crede ingenuamente che per ottenere ciò di cui ha bisogno deve tradire l’anima, le sue aspirazioni, la sua strada, il suo compito, per dedicarsi direttamente a procacciarsi il necessario. Esce quindi dal percorso armonico, perde il suo paradiso dove tutto è facile perché basta fare la propria parte, e deve, invece, barcamenarsi a procacciarsi il lavoro, il cibo, il necessario.

Ma Giuda è anche quella parte che crede di capire più degli altri e di essere in grado di fare tutto da solo, senza l’aiuto delle altre persone, quella parte che in certi momenti ci fa sentire superiori …e a volte anche sprezzanti.

Quindi Giuda è un errore. Un errore di comprensione della realtà che ci porta a vivere una vita molto più difficile e complicata di quello che avrebbe potuto essere. Anche perché Giuda è solo. Ha lasciato altezzosamente fuori di se tutti gli altri ed è rimasto solo. E da soli è invece tutto più difficile. Quanto è invece più facile, avendo tanti veri amici, dire “devo fare questa cosa” e trovare qualcuno che ti accompagni e ti aiuti ad eseguirla!

Quindi adesso lo conoscete Giuda. Avrete pensato a quante volte si è accettato di far cose che vanno contro la propria coscienza, contro gli altri (il divino corpo cosmico) e di come la vita sia diventata magari più ricca materialmente, ma più difficile internamente, emozionalmente più desolata e complicata.

E adesso che lo conosci Giuda, ogni volta che dirai o sentirai qualcuno dire “Porco Giuda” penserai: “Ma guarda… come ci diamo del porco a noi stessi!”

© Emanuele Russo

Print Friendly, PDF & Email
Social
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.